ECOBONUS 110%

Negli ultimi mesi e forse anche negli ultimi giorni si è sentito parlare molto di questo Ecobonus 110% per rilanciare l’edilizia nel nostro paese.
La bozza deil decreto prevede l’innalzamento dell’eco-bonus al 110% e la possibilità di cedere il credito alle banche.

Il decreto rilancio dopo settimane di scontri tra maggioranza e opposizione è pronto per esser approvato dal Consiglio dei Ministri.

Successivamente pubblicato entro alcuni giorni in Gazzetta, da lì si attenderanno le opportune istruzioni per non incorrere in eventuali errori. Secondo quanto dichiarato dal sottosegretario, il testo definitivo dovrebbe ottenere la conferma dell’innalzamento dell’eco-bonus al 110%.

La bozza del decreto in circolazione prevede 464 pagine e 256 articoli, in particolare l’articolo 128, prevede “incentivi fiscali per sisma bonus, eco-bonus e ristrutturazione”, occorre precisare però che gli articoli sono ancora in fase di definizione.

Si attende infatti la verifica della Ragioneria dello Stato per l’okey definitivo.

Ecco perché Lecce Design consiglia KLIMALUX GOLD

Più efficienza, più sconto!

La proposta di innalzamento prevede detrazioni fiscali per coloro che effettueranno interventi di efficientamento energetico migliorativo di almeno due classi, dunque verrebbero rimborsati tutti gli importi. Inoltre è previsto un ulteriore credito del 10% a favore delle imprese esecutrici.

Occorre comunque attendere il testo definitivo per esser certi che il provvedimento sia andato a buon fine.

Dal 45 al 60% di bonus in più e in minor tempo!

si passa al 110% in 5anni

A seconda degli interventi effettuati oggi, l’ecobonus pervede infatti una detrazione che oscilla dal 50 al 65% in dieci anni a seconda degli interventi effettuati, per il resto salvo imprevisti resteranno comunque le stesse regole di base, il bonus potrà esser usato in compensazione fiscale o sarà cedibile ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e intermediatori finanziari che applicando una percentuale saranno liberi a loro volta di cedere successivamente il credito.

Chiudiamo ricordandovi che stiamo parlando ancora di una bozza del decreto. Appena sarà disponibile una versione più dettagliata sarà nostra premura aggiornarvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *